Appuntamento a Londra

– di Mimmo Carratelli

Va in scena la XXX Olimpiade dell’era moderna. Il flop dell’orologio digitale per il countdown dei Giochi. Settemila atleti di 204 nazioni nelle 300 gare del programma. Il mezzofondista Sebastian Coe, divenuto barone, e a capo dell’organizzazione. L’eccezionale servizio di sicurezza, i 33 impianti, i treni-proiettili importati dal Giappone. I protagonisti annunciati e il debutto del pugilato femminile. Le bellezze italiane fra palestre e piscine. La regina Elisabetta per l’inaugurazione. E, nel cielo della capitale, svetta la Scheggia di Renzo Piano.

È cominciata sotto i peggiori auspici la XXX Olimpiade dell’era moderna a Londra (27 luglio-12 agosto), unica fra tutte le citta del mondo ad ospitare per la terza volta i Giochi. L’anno scorso, a Trafalgar Squadre, l’Orologio digitale del countdown, una scultura in acciaio alta sei metri, si e bloccato appena un giorno dopo l’installazione, quando mancavano 500 giorni, 7 ore, 6 minuti e 56 secondi alla inaugurazione della kermesse olimpica. Brutto segno, non si sa. In ogni caso, sui Giochi londinesi veglieranno 3.800 agenti della sicurezza e del controspionaggio britannico, il famoso MI5 che, nel cinema, ha inviato nel mondo i suoi migliori agenti, da Sean Connery a Roger Moore e Pierce Brosnan, sino a Daniel Craig, l’ultimo James Bond che sara presente nel giorno inaugurale dell’Olimpiade. Londra sara sorvegliata anche da 35mila militari e settemila poliziotti. E saranno 70mila i volontari che dovranno contribuire al successo dei Giochi. Piu di settemila atleti di 204 nazioni, l’85 per cento dei Paesi del mondo, si impegneranno nelle trecento gare previste, gareggiando in 39 discipline di 26 sport olimpici, esclusi d’ufficio il baseball e il softball, novita assoluta il pugilato femminile. Per mettere su lo spettacolare baraccone dei cinque cerchi, Londra ha investito 28 miliardi e mezzo di sterline, dieci volte piu del previsto costo iniziale. Lo sperpero continua. Le Olimpiadi sono diventate un colossale business, ingigantito dai diritti televisivi e dalle sponsorizzazione.

Si puo dire che gli ultimi Giochi a misura d’uomo sono stati quelli del 1980 a Mosca dov’era ancora possibile incontrare gli atleti in liberta sui prati del Villaggio olimpico senza prenotare le interviste e soprattutto senza pagarle. E cosi potevamo incontrare Pietruzzo Mennea e Sara Simeoni, ma anche il polacco Wladislaw Kozakievicz che vinse il salto con l’asta e, dopo avere battuto il russo Volkov, fece il gesto dell’ombrello. Oggi un protocollo rigido allontana i protagonisti olimpici dai media. Conferenze-stampa affollate e straripanti, calche inimmaginabili di giornalisti, radio e televisioni per i pochi attori dei Giochi, quelli che vincono una medaglia e, per gli altri, tanti saluti. Gira in continuazione lo spot promozionale di questa XXX Olimpiade nel quale si vedono i luoghi di Londra, i piu celebri e i meno conosciuti, ma tutto di corsa, nel senso che i protagonisti dello spot appaiono e corrono.

Soprattutto corre una donna anonima che incontra vari personaggi, compresi due 007, Samantha Bond e Roger Moore, ma anche David Beckham, intento chissa perche a risolvere un cruciverba, e un gruppo di hostess che fingono di correre la maratona, un facchino impegnato a cimentarsi con gli “anelli” della ginnastica, due uomini in bombetta che tirano di scherma. La donna corre sempre, naturalmente corre per le piazze e le vie piu famose di Londra. Passa davanti al misterioso palazzo dell’Intelligence Service, compare a Piccadilly ovviamente, ma anche davanti al Globe Theatre, ai bordi del Tamigi, dove recitava Shakespeare, che ne era anche il proprietario, e davanti a Buckingham Palace e a Westminster, che sono palazzi immensi con lunghissime facciate, e certamente, mentre lei corre, la campana di 13,5 tonnellate del Big Ben sta suonando le ore. Tutti sanno che il presidente del Comitato organizzatore dei Giochi e Sebastian Coe, di un piccolo distretto londinese che, quando correva le gare del mezzofondo, negli anni Ottanta, somigliava piu a uno dei Beatles che non proprio ad un atleta. Ma era un corridore terribile col faccino stravolto dallo sforzo, due volte campione olimpionico dei 1500, la prima volta quando aveva 24 anni, a Mosca nel 1980. Oggi Coe ha 51 anni. Dallo sport e passato alla politica, deputato del partito conservatore e persino barone di Ranmore, nel Surrey, perche chi corre bene puo diventare un pari in Inghilterra, e tutti sappiamo quanto corse bene Sebastian Coe specie nei giorni in cui doveva vedersela con i suoi “nemici” dichiarati, i connazionali Steve Ovett e Steve Cram che, pur stabilendo record mondiali, non vinsero quanto Coe e percio non sono mai diventati baroni.

Lord Coe assicura che sara un’Olimpiade magnifica con qualche problema per i trasporti perche tanta gente, troppa, verra a Londra, ma la linea est e la linea nord della Metropolitana sono state migliorate e, soprattutto, Londra ha importato uno dei “treni proiettili” della Hitachi per raggiungere celermente le tre zone dei 33 impianti dei Giochi dandogli pero una denominazione olimpica e chiamandoli treni-giavellotto. Persistono pero dei problemi per raggiungere Portland dove si faranno le gare di vela. Portland e nel sud-ovest dell’Inghilterra, nel Doster che non ha collegamenti autostradali ed e servito da strade locali congestionate dal traffico del periodo estivo.

Il Villaggio olimpico ha una capacita di 17.320 posti. Lo Stadio olimpico puo ospitare 80mila spettatori. Non si trovano piu i biglietti per la cerimonia inaugurale, costo fino a duemila sterline, ma i bagarini andranno in soccorso dei ritardatari. La fiaccola olimpica, dopo essere giunta dalla Grecia, partira in Inghilterra dalla Cornovaglia toccando tutte le citta del Regno unito comprese le sei piccole isole britanniche (all’Isola di Man, famosa per le gare motoristiche, il tedoforo reggera la fiaccola a bordo di un sidecar). Ottomila tedofori, percorrendo 12.875 chilometri, condurranno la fiaccola a Londra in settanta giorni. Il primo tedoforo sara Gabriella Roseje, un simpatica ragazza di colore che vive a Bermondsey, un quartiere di Londra dove il livello di disoccupazione e quello delle rapine sono il doppio della media nazionale. Gabriella e fortemente impegnata nell’opera di volontariato a favore della comunita di Bermondsey. A cinque anni giocava al calcio, poi prese a giocare a rugby e, a 17 anni, e stata cintura nera di taekwondo. Frequenta l’universita.

Si calcola che la cerimonia inaugurale verra televista nel mondo da 4 miliardi di persone, oltre la meta della popolazione del pianeta. Saranno la regina Elisabetta e il principe Filippo a inaugurare i Giochi. Per Elisabetta e la seconda volta: inauguro le Olimpiadi di Montreal nel 1976. I Giochi del 1948, che si disputarono a Londra per la seconda volta, dopo l’edizione del 1908, furono inaugurati da Giorgio VI, padre di Elisabetta.

Uno spettacolo di 50 minuti, “L’Isola delle Meraviglie”, con inizio alle 20,12 del 27 luglio, un venerdi, precedera la cerimonia inaugurale. Celebreremo tutta la nazione, ha detto il direttore artistico Danny Boyle, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico di Manchester, perche sono tante le meraviglie della Gran Bretagna, ma mostreremo anche una terra avvelenata dall’industrializzazione e la necessita di un recupero.

Fra i protagonisti attesi a Londra, a parte Bolt di cui parliamo a parte, ci sono senz’altro lo statunitense Michael Phelps, “il cannibale di Baltimora”, otto medaglie d’oro a Pechino, dominatore delle vasche olimpiche, l’ostacolista cinese Liu Xiang che, a Pechino, abbandono le gare in lacrime per un problema al tendine di Achille, lo spagnolo Nadal e lo svizzero Federer nel tennis, il ventiduenne francese Cristophe Lemaitre, campione galleggiante” e lunga 137 metri, proprio come l’arca biblica. Intanto, nel cielo di Londra, laggiu, dalla riva sud del Tamigi, nel quartiere di Southwark, svetta il prodigio di Renzo Piano, il geniale architetto genovese. È il grattacielo piu alto d’Europa, 310 metri di acciaio, vetro e cemento che sembra “un arpione conficcato nel cuore storico della capitale”. È The Shard, la Scheggia, appuntita verso il cielo. Ci hanno lavorato milleduecento persone. Realizzata con undicimila pannelli di vetro, piu di undicimila tonnellate di acciaio e 52mila metri cubi di cemento. Gli 87 piani ospitano uffici per 14mila persone, appartamenti da 12 milioni di sterline l’uno, un albergo a cinque stelle, ristoranti e, all’altezza di 240 metri, l’osservatorio panoramico. Dicono a Londra che presto la zona di London Bridge sara una selva di grattacieli. Coraggio, si va a cominciare. Nei pressi dello Stadio olimpico una enorme campana fara sentire i suoi rintocchi. Una iscrizione avverte: “Non abbiate paura, l’isola e piena di rumori”. d’Europa nello sprint e primo velocista bianco a scendere sotto i 10 secondi sui cento metri (9″98), Leo Messi nel torneo di calcio con l’Argentina. Non cercate calciatori italiani alle Olimpiadi di Londra. La nazionale olimpica azzurra ha fallito la qualificazione. Anche le calciatrici italiane sono fuori. E sono fuori le squadra italiane del basket femminile, della pallamano, dell’hockey prato.

Avremo bellezze italiane a Londra, nei 17 giorni dei Giochi, da Federica Pellegrini, la regina bionda del nuoto, alla schermitrice Valentina Vezzali, alla squadra femminile di pallavolo reduce dal titolo mondiale, ad Alessandra Sensini sulla tavola a vela e a Josefa Idem che, a 48 anni e dopo 35 medaglie fra olimpiadi, mondiali e titoli italiani, rema ancora nella dura solitudine del kayak individuale lungo i mille e piu metri d’acqua. È in grosse difficolta Antonietta Di Martino, la saltatrice di Cava dei Tirreni, uno scricciolo di donna fra le walkirie del salto in alto, che si e dovuta fermare per una lesione muscolare alla gamba sinistra, costretta a uno stop di tre settimane.

Debutta ai Giochi il pugilato femminile nella suggestione del fantastico film di Clint Eastwood “Million Dollar Baby”. Le donne si battevano “sul ring” nelle antiche Olimpiadi greche. La boxe femminile pone un problema: come combatteranno le ragazze: col gonnellino, in shorts o in pantaloncini? La scelta e stata dichiarata libera. Ne sara vietato il bikini alle ragazze del beach volley tra le quali le italiane Greta Cicolari, 30 anni, bergamasca, e Marta Menegatti, 22 anni, che viene dal Polesine, sono indicate fra le atlete piu sexy che gareggeranno a Londra. Ma come non avere occhi per Francesca Piccinini, la trentatreenne bellezza toscana di Massa, autentica dea della pallavolo. Si aspetta con curiosita che arrivi a Londra l’ingegnere olandese Johan Huibers, 60 anni, con la sua arca di Noe. Comincio a costruirla anni addietro temendo che il mare inghiottisse le terre dei Paesi Bassi. Dovrebbe apparire sul Tamigi. Ha costruito l’arca con pino di Svezia e la “casa galleggiante” e lunga 137 metri, proprio come l’arca biblica. Intanto, nel cielo di Londra, laggiu, dalla riva sud del Tamigi, nel quartiere di Southwark, svetta il prodigio di Renzo Piano, il geniale architetto genovese. È il grattacielo piu alto d’Europa, 310 metri di acciaio, vetro e cemento che sembra “un arpione conficcato nel cuore storico della capitale”. È The Shard, la Scheggia, appuntita verso il cielo. Ci hanno lavorato milleduecento persone. Realizzata con undicimila pannelli di vetro, piu di undicimila tonnellate di acciaio e 52mila metri cubi di cemento. Gli 87 piani ospitano uffici per 14mila persone, appartamenti da 12 milioni di sterline l’uno, un albergo a cinque stelle, ristoranti e, all’altezza di 240 metri, l’osservatorio panoramico. Dicono a Londra che presto la zona di London Bridge sara una selva di grattacieli.
Coraggio, si va a cominciare. Nei pressi dello Stadio olimpico una enorme campana fara sentire i suoi rintocchi. Una iscrizione avverte: “Non abbiate paura, l’isola e piena di rumori”.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *