Emozione ad Anacapri per il Premio Lauzi

Una serata particolare al teatro Paradiso nel ricordo struggente di Roberto Gianani, ideatore del Premio che fino all’ultimo ha voluto lavorare per la sua “creatura”. Il gruppo napoletano “Titoli di Coda” ha vinto la sesta edizione della manifestazione per cantautori emergenti condotta da Marino Bartoletti e dall’attrice Francesca Ceci. Gli altri premiati: Dalila Biondi, Luigi Negroni, Fabio Abate, Giuliano Sangiorgi e Franco di Mare.

La voce splendida di Irene Scarpato e la chitarra di Marco D’Anna del gruppo napoletano “Titoli di Coda” hanno conquistato la giuria della sesta edizione del “Premio Anacapri Bruno Lauzi Canzone d’autore” affermandosi col brano “Se ci fosse l’amore”.
L’edizione del Premio si è svolta quest’anno al Teatro Paradiso nel ricordo struggente di Roberto Gianani, fondatore del Premio e organizzatore appassionato, venuto a mancare prima della manifestazione che, pure, ha voluto indirizzare e curare sino all’ultimo. Sono mancate la sua allegria e la sua straripante simpatia. E’ mancata l’elettrica vivacità che contraddistingueva la vigilia del Premio, attento ai minimi particolari e alla migliore accoglienza e al più entusiasta sostegno dei giovani cantautori in gara, artisti emergenti che coccolava e spronava con la sua generosa ospitalità.

Andrea Vianello, direttore di Rai3, giornalista, conduttore radiofonico e televisivo con rubriche di successo, presente negli anni scorsi al Premio e legato da un’affettuosa amicizia con Gianani, ha fatto giungere un commosso videomessaggio in ricordo dell’amico Roberto che ha fatto del Premio Bruno Lauzi una manifestazione importante nel panorama della musica leggera italiana.I “Titoli di Coda” hanno dunque vinto il Premio Anacapri Bruno Lauzi 2013. Il Premio per il miglior testo è andato allo chansonnier dolce e raffinato di Cosenza, Luigi Negroni, per la canzone “C’è bisogno”. Il Premio per la miglior musica è stato assegnato ex aequo all’artista anacaprese Dalila Biondi con “Briciole di noi” e al catanese Fabio Abate con la sua coinvolgente “Agatina”. Ad Irene Scarpato è stato assegnato anche il Premio “Alessandra Cora” per la migliore interpretazione femminile. Hanno condotto la serata il giornalista Marino Bartoletti, appassionato e sapiente conoscitore della musica leggera, e l’attrice Francesca Ceci. Il Premio è stato una straordinaria serata di musica con la partecipazione di Giuliano Sangiorgi, leader dei Negramaro, che ha incantato tutti con una performance unica, accompagnato al sax da Raffaele Casarano e al contrabbasso da Marco Bardoscia. Seduto al piano ha interpretato tre pezzi in omaggio a Bruno Lauzi e alla musica d’autore, “Ritornerai”, “Il poeta” e “Ottobre rosso”. Al cantautore salentino è stato assegnato il Premio Speciale Anacapri Penna d’Autore 2013 per la scrittura e la canzone d’autore.

Il Premio Anacapri Penna d’ Autore 2013 per il giornalismo è andato a Franco di Mare, straordinario giornalista e conduttore Rai per venti anni inviato di guerra e resocontista puntuale dei più imporanti fatti di cronaca. Diana Aquila, figlia di Giuseppe Aquila, amministratore delegato della Montegrappa, main-sponsor del Premio, ha consegnato a Sangiorgi e a Di Mare l’esclusiva stilografica dedicata ad Elvis Presley, un gioiello in oro e resina creato dagli abilissimi artigiani della maison di Bassano del Grappa.
Edoardo Vianello ha dedicato un tenero omaggio all’amico Franco Califano, interpretando “Da molto lontano”, “Nun dormi manco te” e “Semo gente de borgata”, cantando quest’ultimo brano insieme a sua figlia Susanna. Maurizio Lauzi, figlio del cantautore ligure, ha raccontato la grandezza del suo papà con le parole, la musica e la poesia che lo hanno accompagnato sin da bambino.
Nessuno degli artisti, amici di Roberto Gianani, è voluto mancare. La giuria che ha assegnato i premi è stata composta da Maurizio Lauzi, Edoardo Vianello, Carlo Marrale, Franco Fasano, Franco Di Mare, Mimmo Carratelli, Giampaolo Longo, dal produttore discografico Alberto Zeppieri e dal cantante Piero Cotto.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *